23 gennaio 2016

In nome della botola#SaveAshrafFayadh

Non grido perché afferrereste solo il grido,
né mi armo perché afferrereste solo le armi.
Non dico “liberatelo” perché è lui che vi ha imprigionato,
né urlo il suo nome perché sono tanti i nomi da urlare.
Non chiedo che lo graziate perché la grazia non vi è data,
né imploro di fermarvi perché vi seguirei ed io voglio affrontarvi.
E non vi dico ciò che vorreste dicessi, perché è giunta l’ora
che smettiate di dare a dio il nome della botola.