1 febbraio 2017

Qui sta come




Le proiezioni parlano da sole. E raggianti annunciano
che il visto e il mai visto evolvono,
magari in nostra assenza, privi di segni apprezzabili,
ma coraggiosamente a lungo.

Così è il suo volto, questo il pianeta che ti disseta:
così, ampia e impiantata, è la polveriera azzurra
nel largo dio oscuro: l’Universo. Dal principio
l’ombra ha corso breve,
poi riferisce lo sviluppo delle altezze,
sulle quali un capitello ionico
– che qui sta come particella surrettizia –
regge la forza del vuoto. Dall’alto
non si vedono cime maestose e, per questo,
se cancelli il colore, everest e sahara sono
sullo stesso piano. I dettagli –  che qui stanno
come i più interessanti degli uomini –
appaiono ancora meno degli dei.

Conosco superfici calme che cedono serenità
impedendo alle turbolenze di venire a capo della pelle
e altrettante crespe – che qui stanno come i pioppi
e la loro lanugine – darci oggi il nostro soffio
quotidiano prima che tutto vada all’aria.


foto: dal web (elab. ferdigiordano)