24 novembre 2011

Primancòra

(A Gil - riel. Ferdigiordano)

















Già il futuro benedetto
il tuo annuario di semente
l’alchimia del polso scosso che ti lascia cadere
in tutte le terre consacrate alla bufera

- mie terre tue terre tutte le terre -
madri ed aperte, feconde come l’ombra
che somma le vicissitudini e informa l’occhio

dov'è la raccolta.

Ma primancòra che conoscessi la tua polpa
e il suo miele, prima che l’anima
visitasse il tuo podere di nervi
c’erano piume sullo specchio
con i riflessi pronti.